SuperCrowd

Case Green. La rivoluzione del mercato immobiliare.

Il 28 maggio scorso, è entrata ufficialmente in vigore la Direttiva europea sulla prestazione energetica degli edifici (Epbd), più comunemente conosciuta come Direttiva sulle case green. Questa normativa segna un passo decisivo verso un futuro più sostenibile, stabilendo nuovi standard per le costruzioni e le ristrutturazioni immobiliari in tutta Europa. 

case green SuperCrowd

Con criteri rigorosi per migliorare l’efficienza energetica degli edifici, la direttiva rappresenta non solo un impegno ambientale ma anche una straordinaria opportunità per il settore immobiliare. Scopriamo insieme le implicazioni di questa direttiva e come potrà influenzare il mercato degli investimenti immobiliari.

I nuovi standard europei sulle case green

La Direttiva Epbd stabilisce criteri rigorosi per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Gli obiettivi principali includono:

  • Piani nazionali di ristrutturazione: Ogni paese dell’UE deve sviluppare un piano per ridurre progressivamente il consumo energetico degli edifici residenziali. Gli obiettivi sono una riduzione del 16% entro il 2030 e del 20-22% entro il 2035, con il traguardo finale di raggiungere zero emissioni per il settore residenziale entro il 2050.
  • Focus sugli edifici meno efficienti: Gli stati membri devono assicurarsi che almeno il 55% della riduzione del consumo energetico provenga dalla ristrutturazione degli edifici meno efficienti dal punto di vista energetico.
  • Eliminazione dei combustibili fossili: La direttiva mira a eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili nelle abitazioni. Il divieto per le caldaie a gas metano è stato posticipato al 2040, ma già dal prossimo anno non saranno più concessi incentivi fiscali per l’acquisto o l’installazione di caldaie a gas metano.
  • Tecnologie ibride e pompe di calore: Promozione di sistemi di riscaldamento che combinano caldaie e pompe di calore, con un’enfasi sull’elettrificazione dei riscaldamenti per favorire l’uso di energie rinnovabili.
  • Edifici “solar-ready”: I nuovi edifici dovranno essere predisposti per l’installazione di impianti fotovoltaici o solari termici. Per gli edifici esistenti idonei, l’installazione dei pannelli solari dovrà essere completata progressivamente a partire dal 2027.

Impatto sugli investimenti immobiliari

La nuova direttiva europea ha un impatto significativo sugli investimenti immobiliari. Secondo un’analisi condotta da Deloitte, riqualificare il patrimonio edilizio nazionale in linea con i nuovi standard richiederà un investimento tra gli 800 e i 1.000 miliardi di euro. Lo studio, inoltre, evidenzia come le normative non solo aumentino il valore delle proprietà green, ma creino anche nuove opportunità di mercato.

Il crowdfunding immobiliare, in particolare, emerge come uno strumento potente per capitalizzare su queste opportunità dai numerosi vantaggi. Secondo Deloitte, infatti, gli edifici certificati green tendono ad avere un valore superiore fino al 10% rispetto agli immobili tradizionali. Le proprietà green, inoltre, risultano essere più attrattive per gli inquilini, aumentando così il tasso di occupazione.

La transizione verso edifici sostenibili rappresenta un’opportunità unica per innovare e crescere, allineandosi con le tendenze globali di sostenibilità. Non perdere l’occasione di fare la differenza e massimizzare i tuoi investimenti immobiliari.

Partecipa ai nostri prossimi eventi formativi e inizia la tua transizione verso un futuro più verde e redditizio. Iscriviti ora e diventa parte della rivoluzione green con SuperCrowd!

LEGGI ANCHE

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter